il forum di Apecchio!
 
IndiceIndice  PortalePortale  GalleriaGalleria  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  
Argomenti simili
Ultimi argomenti
» Un saluto Al forum!
Gio Gen 19, 2017 1:53 pm Da manny

» Ma ancora qualcuno passa?
Ven Ott 23, 2015 9:56 am Da alvin

» Per seguire le news del tubo!
Mar Ott 20, 2015 5:25 pm Da manny

» CONCERTO ZEN CIRCUS APECCHIO!! 22 AGOSTO!
Mer Ott 29, 2014 10:03 am Da manny

» Consulenza filosofica (Aicofi)
Mer Giu 18, 2014 1:22 pm Da manny

» Musica senza restrizioni per video
Mer Giu 18, 2014 1:20 pm Da manny

» Gioco cruciverba su apecchio.net
Sab Ott 26, 2013 7:16 pm Da alvin

» Poesia - Letteratura
Sab Ago 03, 2013 6:56 pm Da alvin

» Danzando con i fantasmi - Andrea Sponticcia
Gio Giu 20, 2013 12:27 pm Da spo

» Per gli interessati a piccoli gudagni/Risparmi online vendere e acquistare ecc
Mar Mag 21, 2013 11:25 am Da manny

» BRONTOLO dossier
Lun Mag 06, 2013 6:54 pm Da alvin

» Consigli ortaioleschi (periodo di orti)
Lun Apr 22, 2013 8:58 am Da alvin

» Virus [polizia postale, guardia di finanza]
Lun Mar 25, 2013 2:58 pm Da manny

» Luminamars 2013
Sab Mar 16, 2013 7:24 pm Da alvin

» Video del Notubo in onda su LACOSA
Gio Mar 07, 2013 10:09 am Da manny

» Ma che Bella Figura !
Mar Mar 05, 2013 4:41 pm Da Gacchan

» Consigli!?
Sab Gen 26, 2013 9:25 am Da alvin

» Dischi volanti -Ritrovamento
Mer Dic 26, 2012 8:23 am Da alvin

» Sull' Ilva (a servizio Pubblico) travaglio
Mar Dic 04, 2012 9:36 pm Da manny

» Crash video con videogames
Ven Nov 30, 2012 10:19 pm Da manny

ContApecchiesi

Condividere | 
 

 GLI EFFETTI DELLE FORNITURE BLOCCATE

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Giorgio
Novizio
Novizio


Numero di messaggi : 127
Età : 57
Localizzazione : ingiò
Data d'iscrizione : 07.01.08

MessaggioOggetto: GLI EFFETTI DELLE FORNITURE BLOCCATE   Ven Ott 16, 2009 9:41 pm

di J. Giliberto

Il gas prima mancava adesso è troppo. Il calo della domanda di energia in tempi di crisi ha ridotto i consumi di metano, ma non le forniture: ora in Italia ce n'è troppo. Quest'anno avremo in eccesso forse una decina di miliardi di metri cubi che non si sa dove piazzare. Gli stoccaggi sono gonfi, i rigidi contratti internazionali takeor-pay costringono a pagare anche il gas non consumato, i gasdotti marciano a mezza potenza.

Una situazione nuova, che apre nuovi scenari. Proprio in questi giorni la società austriaca che possiede il metanodotto che arriva dalla Russia, che è sempre strapieno, ha pubblicato un bando a dir poco inedito: c'è spazio per esportare metano dall'Italia verso l'Europa centrale. Chi è interessato si faccia sotto, un cliente lo dovrebbe trovare di sicuro in Ucraina, paese cronicamente a corto di metano.

Troppa offerta, poca domanda. Stando alle regole del mercato, dovrebbe dettar legge il consumatore. E' proprio così? Qualche vantaggio si intravvede per gli acquirenti industriali; più difficilmente le famiglie vedranno calare le loro bollette.

Dopo anni di forte crescita,seguiti da una fase di stabilizzazione intorno a 8 miliardi di metri cubi, nel 2009 per la prima i consumi di gas crollano: nel periodo gennaio-agosto il calo è del 12% mentre in settembre rileva l'Anigas l'Italia ha bruciato 5.154 milioni di metri cubi di metano, il 9,2% in meno rispetto allo stesso mese del 2008. A meno di un'improbabile, repentina inversione di tendenza, a fine anno la riduzione sarà di 8-8,5 miliardi di metri cubi. Colpa della crisi economica, che ha ridotto la domanda industriale di metano e di elettricità (al 57% prodotta bruciando metano).

Il surplus si accompagna con un irripetibile momento di grande espansione della capacità di importazione del combustibile: a giorni sarà inaugurato il nuovo rigassificatore di Rovigo (importerà via nave 8 miliardi di metri cubi di gas in più ), è in servizio da mesi il potenziamento del metanodotto che viene dall'Algeria (6, miliardi) e sta per entrare nel vivo il potenziamento del gasdotto dalla Russia (altri 6, miliardi di metri cubi aggiuntivi di gas). In tutto, una ventina di miliardi di metri cubi in aggiunta alla capacità di importazione. Gli stoccaggi di metano, vecchi giacimenti vuoti che vengono riempiti per assecondare l'incostanza dei consumi, sono colmi all'inverosimile e il clima mite non fa pensare a una domanda extra.

Per Davide Tabarelli, direttore di Nomisma Energia, non ci sono dubbi: «Questo è un caso classico di bolla del gas. Il mercato non è più nelle mani dei venditori, ma dei compratori». Una situazione inedita, che sta provocando reazioni altrettanto inedite. Non tanto sui prezzi, purtroppo:
per le famiglie le tariffe del gas sono fissate dall'Autorità per l'energia e benché la bolletta sia più leggera dell'anno scorso restano legate alle quotazioni petrolifere. Qualche opportunità di risparmio in più , almeno in teoria, è per le imprese, che posson rifornirsi sui mercati spot a prezzi dimezzati ma soltanto all'estero, perché in Italia il Punto di scambio virtuale non è ancora abbastanza liquido.

Qualche scossone si sta verificando. Un segnale significativo è l'inversione del flusso del Tag:una parte della capacità del gasdotto, normalmente utilizzato per importare gas, è stata messa a disposizione fino a ottobre 2010 per esportare dall'Italia. «Un primo vagito dell'hub energetico dice Tabarelli che l'Italia aspira a diventare».
Tornare in alto Andare in basso
 
GLI EFFETTI DELLE FORNITURE BLOCCATE
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» la repubblica delle banane
» 03 - Codice Penale del Regno delle Due Sicilie
» Trattato di Riconoscimento del Regno delle Due Sicilie
» Patto di non belligeranza tra il Regno delle Due Sicilie e la Repubblica di Firenze

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Apecchio :: Politica Locale & Estera :: No Tubo-
Andare verso: